Seconda conferma ufficiale in vista dell’annata 2023-24, con il centrale classe 1997 che si unisce al tecnico Ranieri e al compagno Fahmi. Il ds Consolaro: “E’ stato facile accordarsi, perché da parte di entrambi non c’era il minimo dubbio sulla volontà di proseguire assieme”

CORNEDO – Il Futsal Cornedo comunica di aver raggiunto un accordo per proseguire nella collaborazione col centrale Thomas Grigolato, che dunque farà parte della rosa che andrà ad affrontare il campionato di Serie A2. Una conferma importante per il roster di Pablo Ranieri, che dopo il funambolo Fahmi, decide di puntare ancora sul capitano, una figura importantissima in campo e fuori. Grigolato è una delle bandiere di questa squadra, avendo sempre giocato con questi colori, eccezion fatta per la parentesi spagnola per motivi di studio.

“Ci è voluto davvero poco per metterci d’accordo -spiega il ds Luca Consolaro– non c’era il minimo dubbio sulla volontà di ripartire da Thomas, e siamo stati felici che anche lui non ha avuto nessun tentennamento, ed ha dimostrato coi fatti di voler proseguire con noi anche nella nuova categoria. Per noi sarà molto importante avere un giocatore della sua personalità in squadra”.

A conferma di quanto detto dal ds, Grigolato non nasconde il suo entusiasmo all’idea di proseguire l’avventura in bluamaranto, e lo dice apertamente nell’intervista che segue.

Tommy, è ufficiale il tuo rinnovo a Cornedo. Che sensazioni provi dopo aver raggiunto l’accordo col club?

“Rinnovare con il Cornedo era la mia priorità dopo un anno così bello come lo scorso. Sono da molti anni in questa società, ma affronterò la prossima stagione con nuovi stimoli per la nuova categoria”.

L’anno prossimo sarà Serie A2 e ci aspetta una stagione molto complicata. Con che spirito ti prepari ad affrontarla?

“Sicuramente dobbiamo alzare l’asticella, categoria più alta e cambiano molti fattori. L’anno scorso abbiamo affrontato squadre di questa categoria, le abbiamo affrontate molto bene con un giusto atteggiamento”.

Cosa ti ha spinto a scegliere ancora Cornedo nella nuova categoria?

“Cornedo è casa mia, sono partito dalla C2 e non potevo non continuare questa avventura in A2. Questa società mi ha cresciuto fin da piccolo e il nostro percorso non poteva finire sul più bello”.

Tu sei il capitano di questo gruppo. Quali dovranno essere le caratteristiche che non dovranno mancare alla squadra?

“Sicuramente tanta fame e voglia di continuare a crescere: in molti non abbiamo mai giocato questa categoria, quindi dobbiamo adattarci il prima possibile ad un contesto che sicuramente sarà ricco di insidie. Ma con la forza del gruppo le supereremo”.

Quanto sarà bello condividere questa esperienza col pubblico del Paladegasperi?

“Il palazzetto me lo ricordo ancora quando eravamo in C2 all’inizio, con una ventina di persone che venivano a vederci. Adesso in tante partite il palazzetto è fin troppo piccolo per accogliere tutta la gente che ci vuole sostenere: abbiamo riportato entusiasmo in città. Spetta a noi continuare a coinvolgere il nostro sesto uomo”.

Ufficio Stampa ASD Futsal Cornedo