Futsal Cornedo pronto ad esplodere per i gol di Amoroso: “Questa maglia l’ho voluta fortemente: per Ranieri e per la gente. Ci divertiremo insieme!”

Arriva un bomber di razza al Paladegasperi: il “Lupo” del futsal italiano. Si, perché la società ha messo a disposizione di mister Ranieri uno degli attaccanti più prolifici della storia di questa disciplina. Fabrizio Amoroso è un nuovo giocatore del Futsal Cornedo e accettando in pochi minuti la proposta del club ha confermato coi fatti di volersi davvero vestire di blu-amaranto, iniziando questa avventura con l’entusiasmo di un ragazzino. Tutto l’ambiente cornedese ora non vede l’ora di rivolgergli un grandissimo abbraccio. E perché no, di esplodere di gioia ad ogni suo gol: perché il “Lupo” perde il pelo, ma non il vizio…del gol! Con Amoroso, che non sta nella pelle all’idea di iniziare questa avventura, abbiamo realizzato la sua prima intervista ufficiale da giocatore del Cornedo.

Fabrizio, benvenuto in blu-amaranto. Cosa ti ha spinto a scegliere il Futsal Cornedo rispetto alle altre opportunità che avevi avuto?
“Avevo detto in tempi non sospetti che avrei scelto con calma, più per una questione di stimoli che per altro. Cornedo ha una storia importante alle spalle, e questa storia, unita al desiderio di misurarmi in un ambiente giovane, ambizioso e dinamico, ha fatto il resto. Qui ritrovo tanti amici e pure un mister, Ranieri, che ha influito molto nella mia scelta”.

Cosa conosci della realtà di Cornedo che ti sta aspettando a braccia aperte?
“Conosco quello che si può conoscere da avversario: il Paladegasperi è sempre stato un campo difficile per tutti, perché c’è tanta gente che ti spinge e si sente forte l’attaccamento alla maglia che tutti hanno in questa realtà. Il pubblico e la passione che si respira qui sono stati altri aspetti che mi ha portato a scegliere questa soluzione”.

Tu porti a Cornedo tanta esperienza e ambizione. Quale dovrà essere lo spirito della squadra che sta nascendo?
“Lo spirito non dovrà cambiare, dovrà essere quello che ha caratterizzato Cornedo negli ultimi anni: passione, entusiasmo, voglia di emergere. Spero di portare quel pizzico di esperienza in più che può essere utile alla causa, ma lo spirito dovrà quello che ha sempre reso unica questa piazza. Non vedo l’ora di gettarmi a capo fitto in questa nuova avventura”.

A Cornedo sarai allenato da un tecnico che ti conosce benissimo come Pablo Ranieri. Lo hai un po’ accennato prima, ma ti chiedo quanto ha influito la sua presenza nella tua scelta?
“Parecchio: sarei ipocrita se dicessi il contrario. Stimo moltissimo Pablo, come allenatore, come persona di grande esperienza nel mondo del futsal e poi per me è un amico vero, quindi sono felicissimo di poter giocare per lui”.

Per quei pochi che non ti conoscessero, come ti descriveresti come giocatore e come uomo fuori dal campo?
“E’ sempre difficile descriversi. Posso dire di essere un uomo e un giocatore dal carattere forte, mi piace segnare e spero di poter mettere al meglio queste mie doti a disposizione della squadra”.

Che idea ti sei fatto di quella che sarà la stagione che attende al varco il tuo Cornedo? Quali dovranno essere le vostre ambizioni?
“Ci aspetta una stagione importante; ci sono tutti gli ingredienti per fare davvero bene. Possiamo fare affidamento su tanti giovani di valore assoluto, sul loro entusiasmo e al loro fianco sono stati presi giocatori di esperienza come Rossi, Buonanno e Martin; questi ultimi due li ho avuti assieme a me a Verona l’anno scorso e non ne posso che parlare bene. Non dobbiamo caricare di troppa pressione i nostri giovani, dandogli modo di continuare a crescere. L’obiettivo minimo ovviamente è la salvezza, ma non nego che ci piacerebbe raggiungerla il prima possibile e poi alzare un po’ la nostra asticella”.

In città c’è grande attesa per questa stagione. Che aiuto ti aspetti dalla tifoseria, che negli ultimi anni è stata sempre presente e calorosa?
“Ripeto quello che ho detto prima. Se ho scelto Cornedo l’ho fatto anche per il calore che questo ambiente sa trasmettere alla squadra. Mi aspetto molto dalla nostra tifoseria; spero che avrà modo di essere presente al Paladegasperi in base alle regole sanitarie, perché davvero ci piacerebbe farli divertire. In ogni caso daremo il massimo e cercheremo di rendere il nostro palazzetto un luogo dove sia difficile per tutti venire a far punti”.

Ufficio Stampa Futsal Cornedo