I ragazzi di Pablo Ranieri cancellano il ko di Prata con una vittoria dal coefficiente di importanza elevatissimo, davanti ad un pubblico numeroso e caloroso come non mai. Contro i quotati trentini reti di Mateus e Maric; decisive nel finale le parate di Petkovic. Ora testa alla trasferta piemontese sul campo dell’Avis Isola

 

IL TABELLINO

Futsal Cornedo – Olympia Rovereto 2-0 (pt 0-0)

Futsal Cornedo: Petkovic, Rossi, Cailotto, Tibaldo, Mateus, Grigolato, Maric, Fahmi, Kastrati, Gastaldello, Zini, Marzotto. All. Ranieri

Olympia Rovereto: Ceschini, Iancu, Moufakir, Cristel, Rafinha, Maddalosso, Secchi, Onzaca, Frisenna, Bazzanella, Simoncelli, Veronesi. All. Saiani

Arbitri: Landi di Prato e Scifo di Firenze. Crono: Piccolo di Este

Reti. St 14’30 Mateus (FC), 19’50 Maric (FC)

Ammoniti: Maddalosso (R), Gastaldello (FC), Moufakir (R)

 

CORNEDO – Vittoria dal coefficiente di difficoltà e importanza impossibile da descrivere per un Futsal Cornedo che in un Paladegasperi pieno in ogni centimetro supera 2-0 l’Olympia Rovereto, cancella il ricordo del ko di Prata, e soprattutto conquista l’ottavo risultato utile delle ultime nove partite. Un successo sofferto, senza dubbio, perché i trentini sono una squadra di valore assoluto, ma totalmente meritato per quanto creato nel primo tempo e per lo spirito dimostrato dalla squadra.

Pronti via e nel primo tempo il Cornedo parte molto forte, con due chance per Kastrati nei primi due minuti, ma Ceschini inizia la sua giornata di grazia, parando anche in modo miracoloso su Gastaldello al 3’ e su Fahmi al 3’30. Attacca il Cornedo, con Maric che al 7’ costringe Ceschini a fare il fenomeno nella giocata uno contro uno. Al 10’ ancora Ceschini protagonista, con tre parate nel giro di un minuto: su Grigolato da due passi, su Maric da un metro e sul tiro da fuori di Fahmi con la mano di richiamo. Al 13’30 si vede per la prima volta il Rovereto con la puntata di Rafinha addomesticata da Petkovic. Al 14’30 il diagonale di Cristel sfiora il palo. Prima dell’intervallo Maric spara alto da buona posizione, e al 19’ Ceschini è ancora mostruoso su Fahmi e Zini.

Inizia la ripresa, con Ceschini che para subito su Gastaldello dopo 30”. Ma al 4’20 è Petkovic a vestire i panni del “Salvatore”, chiudendo sull’uno contro uno di Bazzanella. Al 5’40 il miracolo lo fa Kastrati, recuperando sullo stesso Bazzanella lanciato a rete da solo contro Petkovic. Al 7’30 altro miracolo, stavolta d’istinto, di Ceschini sulla punizione di Tibaldo. Al 9’45 il Rovereto commette il quinto fallo esaurendo il bonus. Al 14’30 arriva il gol che sblocca la partita: Gastaldello va a recuperare sul fondo una palla che sembra persa, la serve all’accorrente Mateus che insacca e fa esplodere il Paladegasperi: 1-0. Il Rovereto si gioca subito la carta del portiere di movimento, e al 18’ è Petkovic a salvare il risultato, di faccia, sul tiro a botta sicura di Moufakir. Il Rovereto attacca, ma il Cornedo si chiude alla grande, e dopo aver sfiorato il raddoppio con Grigolato e Maric, lo trova al 19’50 proprio col pivot croato che segna a tu per tu con Rafinha, chiude i conti e dedica la rete alla famiglia presente in tribuna: 2-0.

Finisce quindi con un’apoteosi bluamaranto che rimarrà per tanto tempo nei ricordi, con un tuffo della squadra sotto un pubblico che mai come stavolta si è dimostrato davvero il sesto uomo in campo. Arriva quindi la vittoria numero sei del campionato, e ora i ragazzi di Ranieri torneranno a lavorare sodo per preparare la complicatissima trasferta della settimana prossima, sabato pomeriggio alle 17.00 sul campo piemontese dell’Avis Isola.

 

Ufficio Stampa Futsal Cornedo