Col Belluno i blu-amaranto se la giocano alla pari, poi la decidono le “giacchette rosa”

Il Futsal Cornedo regge per trequarti di gara, poi un episodio arbitrale indirizza inevitabilmente le sorti dell’incontro verso la strada bellunese. Tanto rammarico ma almeno questa volta c’è la consapevolezza di aver quantomeno provato a tener testa ai quotati avversari. Di Sbicego, Radujkovic e Donin le reti blu-amaranto. Sabato prossimo a Rovereto una sfida determinante contro i padroni di casa dell’Olympia fanalino di coda.

Cornedo Vicentino (VI) – Continua il momento delicato in casa cornedese, con i blu-amaranto che nella 13^ giornata del Campionato Nazionale di Serie B incappano nella quarta sconfitta consecutiva (quinta se si considera anche la Coppa Italia) tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018.

Un periodo difficile, con un timido risveglio visto quest’oggi contro un quotato avversario come quello bellunese ma sul quale una decisione arbitrale mette definitivamente la pietra tombale. Un episodio che nel momento particolare della gara (eravamo sul 3-3 a fine ripresa), oltre che nel periodo complesso che la squadra sta attraversando, ha letteralmente “segato le gambe” ai blu-amaranto che – mai come questa volta – restano perplessi di come un fallo così solare e con la visuale dell’arbitro completamente libera possa essere lasciato correre come se nulla fosse. Continuiamo a pensare che non ci sia malafede da parte di nessuno, ma forse è arrivato il momento anche per noi di alzare la voce e invitare tutte le componenti di questo sport a fare un esame di coscienza così come lo fanno società, squadre e tecnici sui rispettivi errori.

Ciliegina sulla torta l’ammonizione (una delle tante e troppe affibbiate nel corso della gara) a Radujkovic che – diffidato – sarà costretto a saltare la delicata e quanto mai decisiva sfida di sabato prossimo alle 16.00 in casa dell’Olympia Rovereto. Ora una settimana di lavoro per preparare al meglio la trasferta trentina, in cui tornano d’obbligo i tre punti per fare un passo deciso verso la salvezza.

La cronaca – Non c’è tra i convocati lo spagnolo Alba della Canottieri, giustiziere della gara d’andata, mentre per i blu-amaranto è out capitan Rubega per infortunio. In occasione del ventesimo compleanno, a fare gli onori di casa con i gradi di capitano è Giuliano Boscaro.

Bortolini opta per il quintetto titolare formato dal giovane Del Prete in porta, con Reolon, Dal Farra e le due bocche di fuoco Berti e Mati Florez. Tra i pali cornedesi c’è Cracco, di rientro dopo l’infortunio e che si rivelerà indubbiamente tra i migliori in campo, affiancato da Sbicego, Cabianca, Boscaro e bomber Aalders in un quintetto per quattro quinti “fatto in casa”.

Pronti, via e il Futsal Cornedo mette subito la freccia portandosi avanti con Sbicego al 1’ su assist di Aalders dalla sinistra. La partita si accende subito, con i bellunesi che guadagnano un rigore per tocco di mano di Cabianca (ammonito) in area: Berti va sul dischetto ma calcia sul palo ipnotizzato da un reattivo Cracco. Il pubblico blu-amaranto si accende e trascina la squadra al raddoppio che arriva al 5’ con un tiro di Radujkovic dal limite dell’area dopo che lo stesso Radujkovic, poi Boscaro e Cabianca venivano murati da Del Prete in una specie di “tiro al bersaglio”. Una Canottieri Belluno irriconoscibile rispetto alla gara d’andata, commette 5 falli ancor prima dei 10’ di gioco ma cresce col passare dei minuti. Non demeritano i blu-amaranto ma Cracco viene sempre più impegnato col passare dei minuti, fino alla rete del 2-1 di Mati Florez ad una manciata di secondi dalla sirena servito da Orsi dopo una leggerezza difensiva blu-amaranto.

In avvio di ripresa il Belluno ribalta il risultato, con la doppietta di Berti che tra il 3’ ed il 7’ prima mette sotto l’incrocio dalla distanza e poi è lesto a recuperare un pallone respinto da Cracco su tiro di Brancher. I blu-amaranto non mollano, pareggiano con una puntata centrale di Donin al 9’ con una rete che sembra riequilibrare le sorti del match dopo un inizio di ripresa molto difficoltoso. A 4’30’’ dalla fine l’episodio che cambia volto al match, con l’arbitro che non fischia un evidente fallo in attacco al Belluno che indisturbato si riporta avanti con Mati Florez. Il colpo del ko per i blu-amaranto che incassano pochi secondi dopo il 4-3 ancora di Mati Florez, con la rete il definitivo 3-6 a firma di Sitran.

Il tabellino
Futsal Cornedo – Canottieri Belluno 3-6 (p.t. 2-1)
Futsal Cornedo: Sbicego, Donin, Moscoso, Zarantonello, Tecchio, Cabianca, Cailotto, Radujkovic, Ragno, Aalders, Cracco, G. Boscaro (C), S. Boscaro. All. Albertini
Canottieri Belluno: Dalla Libera, Brancher, Sitran, Savi, Reolon, Orsi, Dal Farra, Boso, Berti, Del Prete, Nessenzia, Mati Florez. All Bortolini
Arbitri: Perez di Milano e Di Girolamo di Milano. Crono: Suelotto di Bassano Del Grappa.
Marcatori: 1′06’ Sbicego (FC), 4′58’’ Radujkovic (FC), 19′03’’ Mati Florez (CB) nel p.t.; 3′02’’ Berti (CB), 7′11’’ Berti (CB), 9′12’’ Donin (FC), 15′23’’ Mati Florez (CB), 15′33’’ Mati Florez (CB) e 16′34’’ Sitran (CB).
Note. Ammoniti: Cabianca, Radujkovic, Sbicego, Cracco e Moscoso (FC); Brancher, Mati Florez e Savi (CB). Tiri Liberi: 0/0 (FC); 0/0 (CB).

Luca Consolaro
Ufficio Comunicazione Futsal Cornedo
www.futsalcornedo.it
info@futsalcornedo.it